25
Aug

Covid-19: un farmaco per tagliare i coaguli potrebbe aiutare a salvare la vita dei pazienti con ventilatori?

Covid-19: un farmaco per tagliare i coaguli potrebbe aiutare a salvare la vita dei pazienti con ventilatori?

Un ciclo di coagulazione del sangue e infiammazione può contribuire alle difficoltà respiratorie di alcuni pazienti Covid-11. Un prossimo studio clinico valuterà se un tipo di farmaco già approvato per la prevenzione dei coaguli di sangue dopo un infarto o un ictus potrebbe aiutare a prevenire queste difficoltà.

Tutti i dati e le statistiche si basano su dati disponibili pubblicamente su Tempo della pubblicazione. Alcune informazioni potrebbero non essere aggiornate. Visita il nostro hub coronavirus e segui la nostra pagina degli aggiornamenti in tempo reale per le informazioni più recenti sulla pandemia di Covid-19.

I pazienti in condizioni critiche possono sviluppare una grave condizione polmonare infiammatoria chiamata sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), che colpisce La loro capacità di respirare senza aiuto.

Il segno distintivo dell’ARDS è un danno al rivestimento dei polmoni dall’infiammazione che consente al liquido di accumularsi nei polmoni. Questa infiammazione attiva un aumento della coagulazione all’interno dei piccoli vasi dei polmoni.

come parte di questo ciclo di infiammazione della coagulazione del sangue, lo sviluppo incontrollato di microclot nei piccoli vasi sanguigni dei polmoni e dei tappi di microfibrina nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi di microfibrina nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi nei piccoli tappi di microfibria sacche d’aria di alcuni pazienti Covid-19 contribuiscono a gravi difficoltà respiratorie.

Oltre alle cure di supporto e alla ventilazione meccanica in un’unità di terapia intensiva, al momento non esiste un trattamento efficace.

l’americano La "migliore ipotesi" dell’associazione ospedaliera dello scenario peggiore è che l’1% delle persone negli Stati Uniti che sviluppano Covid-19, la malattia che il nuovo coronavirus causa, potrebbe richiedere una ventilazione meccanica in ospedale a seguito di ARDS.

Le loro previsioni suggeriscono anche che 96 milioni di persone negli Stati Uniti alla fine otterranno Covid-19. Se ciò dovesse accadere, significherebbe che un totale di 960.000 persone avrebbero bisogno di ventilazione meccanica.

The Society of Critical Care Medicine estimate that there are only about 200,000 ventilators in the U.S.

A team at Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) in Boston, MA, has suggested that Dare un anticoagulante ampiamente disponibile ad alcuni di questi pazienti potrebbe non solo aiutare a salvare la vita, ma anche ridurre il tempo in cui devono essere su un ventilatore.

In caso di successo, questo liberarebbe le macchine più rapidamente per altri pazienti Covid-19 che ne hanno bisogno.

Le notizie mediche oggi hanno precedentemente pubblicato un articolo su questo potenziale uso del farmaco , Ma ora, i ricercatori hanno annunciato che è in corso la sperimentazione clinica.

Rimani informato con aggiornamenti in tempo reale sull’attuale focolaio di Covid-19 e visita il nostro hub coronavirus per ulteriori consigli su prevenzione e trattamento.

usi stabiliti

nel 1996 , la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il farmaco, che si chiama Attivatore del plasminogeno tissutale (TPA), per prevenire i coaguli di sangue nelle persone che hanno avuto un ictus, embolia polmonare o infarto.

IT. è un enzima che si verifica naturalmente nel sangue e nei tessuti, dove agisce come un anticoagulante rompendo la fibrina-che forma spina nelle vie aeree e le carte di fibrina-platele nei piccoli vasi dei polmoni.

I ricercatori hanno iniziato ad arruolare alcuni dei pazienti Covid-19 ammessi al Centro medico in una sperimentazione clinica del farmaco. Mirano anche a identificare "biomarcatori", come i livelli ematici dei fattori di coagulazione, che in futuro aiuteranno a identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare della terapia.

"Se efficace e sicuro Il trattamento degli ARDS nei pazienti con Covid-19, TPA potrebbe salvare vite umane riducendo i tempi di recupero e liberando più ventilatori per altri pazienti bisognosi ", afferma l’investigatore della sperimentazione clinica Christopher D. Barrett.

in un articolo Nel Journal of Trauma and Acute Care Surgery, i medici notano che i caratteristici depositi fibrosi e piccoli coaguli di sangue chiamati "microthrombi" sono spesso presenti nei polmoni dei pazienti con ARDS.

Questi più piccoli coaguli nei vasi sanguigni dei polmoni riducono la capacità di questi organi di portare ossigeno nel flusso sanguigno e rimuovere l’anidride carbonica da esso.

I patologi hanno trovato segni di ciò che il I ricercatori chiamano "coagulazione aggressiva" nei campioni polmonari di persone con Covid-19. Ci sono state anche segnalazioni da unità di terapia intensiva di coagulazione anormale al di fuori dei polmoni nei pazienti Covid-19 con ARDS.

"Stiamo ascoltando aneddoticamente che un sottoinsieme di pazienti con ARDS indotta da Covid-19 si sta raggruppando in modo anomalo attorno ai loro cateteri e linee [endovenose]", afferma l’autore senior Dr. Michael B. Yaffe, PH. D., un chirurgo di cura acuta presso il Medical Center.

"Sospettiamo che questi pazienti con coagulazione aggressiva mostreranno il massimo beneficio dal trattamento TPA e questo nuovo studio clinico rivelerà se è così."

– Dr. Michael B. Yaffe, Ph.D.

Ricerca precedente

Diversi studi su modelli animali di ARDS hanno scoperto che TPA riduce la mortalità, sebbene nessuno di loro hanno coinvolto un’infezione virale.

Uno studio clinico che il chirurgo americano pubblicato nel 2001 ha scoperto che due tipi più vecchi di attivatore al plasminogeno hanno ridotto il tasso di mortalità dei pazienti con ARDS su ventilatori.

È importante sottolineare S è migliore di rompere i coaguli rispetto agli attivi del plasminogeno più vecchi, senza alcun aumento del rischio di sanguinamento.

Inoltre, il TPA ha una certa attività antinfiammatoria, mentre i vecchi farmaci anticoagulanti, come la streptokinasi (streptasi), promuovono l’infiammazione.

“Mentre la pandemia globale di Covid-19 So troppo la capacità medica del mondo di accogliere un aumento dei pazienti con ARDS, è fondamentale consideriamo come le terapie esistenti ampiamente disponibili possano essere utili in questa emergenza senza precedenti di salute pubblica. "

– Christopher D. Barrett, MD, Senior Surgical Resident, Bidmc

Nel loro articolo, i clinici concludono: "I tempi straordinari possono richiedere misure straordinarie".

Scrivono che se il TPA si rivela efficace e sicuro in questa nuova applicazione, sarebbe semplice per le unità di terapia intensiva in tutto prodottioriginale il mondo iniziare a usarlo.

I medici hanno già familiarità con il farmaco, che è relativamente economico e ampiamente disponibile.

Per gli aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi riguardanti il ​​romanzo Coronavirus e Covid-19, fai clic qui.

  • sanità pubblica
  • cardiovascolare/cardiologia
  • FLU/Cold/SARS

Contents